Carta dei servizi PDF Stampa E-mail

 

PRINCIPI FONDAMENTALI

 

La carta dei servizi dell’I.T.I.S. “G. ARMELLINI” di Roma  ha come fonte di ispirazione fondamentale gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

  1. Uguaglianza.

Nessuna discriminazione nell'erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche.

  1. Imparzialità e regolarità

I soggetti erogatori del servizio scolastico agiscono secondo criteri di obiettività, equità e professionalità.

L’ITIS”ARMELLINI”, attraverso tutte le sue componenti e con l'impegno delle istituzioni collegate, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative, anche in situazioni di conflitto sindacale, nel rispetto dei principi e delle norme sancite dalla legge e in applicazioni delle disposizioni contrattuali in materia.

  1. Accoglienza e integrazione.

L’Istituto si impegna, con opportune ed adeguate iniziative di tutti gli operatori del servizio, a favorire l'accoglienza dei genitori e degli alunni, l'inserimento e l'integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità.

Particolare impegno è prestato per la soluzione delle problematiche relative agli studenti lavoratori, agli stranieri, a quelli degenti negli ospedali, a quelli in situazione di handicap, a quelli presenti nelle istituzioni carcerarie anche al fine di prevenire fenomeni di dispersione ed abbandono.

Nello svolgimento della propria attività, ogni operatore scolastico ha pieno rispetto dei diritti e degli interessi dello studente anche ai sensi del DPR n.249/’98. In particolare:

- Diritto all'istruzione e all'educazione;

- Diritto al rispetto della propria sfera affettiva e cognitiva;

- Diritto all'informazione sui criteri di scelta dei contenuti, delle metodologie di insegnamento e sui criteri di scelta delle modalità di verifica e di valutazione;

- Diritto alla libertà d’espressione, di pensiero, di coscienza e di religione.

  1. Partecipazione, efficienza e trasparenza.

Il Personale direttivo, docente ed A.T.A, i genitori e gli alunni, sono protagonisti e responsabili dell'attuazione della  presente "Carta dei Servizi", attraverso una gestione partecipata della scuola, nell'ambito degli organi e delle procedure vigenti. I loro comportamenti collaborativi devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio.

L'ITIS “ARMELLINI” si impegna a favorire le attività extrascolastiche che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo l'uso dell'edificio e delle attrezzature fuori dell'orario del servizio scolastico.

L’ITIS “ARMELLINI” si impegna altresì a favorire tutte le attività che prevengano la dispersione sciolastica quali lo sportello di ascolto psicologico, l’educazione alla salute e gli interventi didattici, educativi, integrativi e complementari.

L’Istituto al al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure amministrative( L.n.15/68, L.n.241/90, L..n.127/97, L.n.191/98) e didattiche ed un’ informazione , su tutti gli aspetti organizzativi della vita della scuola, completa, puntuale e trasparente; tutela altresì il diritto alla riservatezza(L.675/96).

L'attività scolastica, ed in particolare l'orario di servizio di tutte le componenti, si informa a criteri di efficienza, di efficacia, flessibilità nell'organizzazione dei servizi amministrativi, dell'attività didattica e dell'offerta formativa integrata.

Per le stesse finalità, la scuola garantisce ed organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con istituzioni ed enti culturali nell'ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento definite dall'amministrazione.

  1. Libertà di insegnamento ed aggiornamento del personale.

La programmazione delle attività educative e didattiche attraverso il Piano dell’Offerta Formativa, pur nel rispetto della libertà di insegnamento dei docenti, assicura la formazione civile, umana e professionale dell'alunno, facilitandone le potenzialità cognitive e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità, nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici, recepiti nei piani di studi di ciascun indirizzo.

L'aggiornamento e la formazione costituiscono un impegno per tutto il personale scolastico e un compito per l'amministrazione, che assicura interventi organici e regolari.

FUNZIONAMENTO DIDATTICO DELL'ISTITUTO

L’Istituto garantisce l’elaborazione, l’adozione e la successiva pubblicizzazione relativamente a tutti gli atti di natura didattica.

In particolare:

Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.).

Il P.O.F., elaborato dall’ITIS “ARMELLINI”, contiene le scelte educative ed organizzative e i criteri di utilizzazione delle risorse e costituisce un impegno per l'intera comunità scolastica.
Integrato dal regolamento d'Istituto, definisce, in modo razionale e produttivo gli obiettivi educativi e didattici in funzione delle proposte culturali elaborate dai competenti organi della scuola.

In particolare, organizza l'uso delle risorse umane, finanziarie e strumentali dell'Istituto e la pianificazione delle attività curricolari, di sostegno, di recupero, di orientamento e di formazione integrata.

Contiene, inoltre, i criteri relativi alla valutazione complessiva del servizio scolastico.

 

Regolamento di Istituto (R.I.)

Il regolamento d'Istituto comprende, in particolare, le norme relative a:

- vigilanza sugli alunni;

- comportamento degli alunni e regolamentazione di ritardi, uscite, assenze, giustificazioni;

- usi degli spazi, dei laboratori e della biblioteca;

- conservazione delle strutture e delle dotazioni;

- le modalità di comunicazione con studenti e genitori con riferimento ad incontri con docenti, di mattina e di pomeriggio (prefissati e/o per appuntamento);

- le modalità di convocazione e di svolgimento delle assemblee di classe, organizzate dalla scuola o richieste da studenti e genitori  del comitato degli studenti e dei genitori, dei consigli di intersezione, di interclasse o di classe e del Consiglio di Circolo o d'Istituto;

- il calendario di massima delle riunioni e la pubblicizzazione degli atti;

- il regolamento di disciplina ai sensi del DPR n.249/’98;

- il regolamento sul diritto d’accesso agli atti amministrativi(L.n..241/’90).

 

Programmazione educativa e didattica del Consiglio di Classe.

Elaborata ed approvata dal Consiglio di classe delinea il percorso formativo della classe e del singolo alunno adeguando ad esso i processi di I/A . Utilizza il contributo dei gruppi disciplinari e/o interdisciplinari per il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità educative indicati  dal Collegio dei Docenti.

E’ sottoposta sistematicamente a momenti di verifica e di valutazione dei risultati, al fine di adeguare l'azione didattica alle esigenze formative che emergono "in itinere".

Piano annuale delle attività del docente.

Il piano contiene  i prerequisiti, gli obiettivi disciplinari, le metodologie ,  i sussidi didattici, i strumenti di verifica ed i criteri di valutazione usati dal singolo docente per l’organizzazione del proprio processo di insegnamento.

Patto educativo di corresponsabilità

Il patto educativo di corresponsabilità è  la dichiarazione si stabilisce tra il docente e l'allievo   ma  anche tra l'intero Consiglio  di classe, gli studenti ed i genitori. In particolare:

l'allievo deve conoscere

- gli obiettivi didattici ed educativi del suo curricolo;

- il percorso per raggiungerli:

- le fasi del suo curricolo;

- i criteri di valutazione scelti dai docenti;
il docente deve

- comunicare la propria offerta formativa presente nel piano annuale delle attività;

- motivare il proprio intervento didattico;

- esplicitare le strategie, gli strumenti di verifica, i criteri di valutazione (esplicitare le valutazioni formative e sommative al fine di educare all'autovalutazione dell’allievo);

- comunicare le valutazioni delle prove scritte entro 10 gg. dall’effettuazione della verifica.

il genitore deve

- conoscere l'offerta formativa del Progetto di Istituto  e del Consiglio di Classe;

- esprimere pareri e proposte agli Organi monocratici e Collegiali;

- collaborare alle attività educative e formative proposte dalla scuola.



SERVIZI AMMINISTRATIVI

 

L’ITIS “ARMELLINI” individua, fissandone e pubblicandone gli standard e garantendone altresì l'osservanza ed il rispetto, i seguenti fattori di qualità dei servizi amministrativi:

- celerità delle procedure ;

- semplificazione degli atti alla luce delle vigenti normative in materia;

- trasparenza;

- informatizzazione  anche in rete dei servizi di segreteria;

- tempi di attesa agli sportelli;

- flessibilità degli orari degli uffici al contatto con il pubblico i n casi di particolari esigenze;

- competenza del personale di sportello;

- fruibilità e celerità nel diritto d’accesso agli atti amministrativi(L.n.241/’90);

- la riservatezza degli atti in possesso dell’Istituto per quanto e come previsto dalla legge.

 

Standard specifici delle procedure

La distribuzione dei moduli di iscrizione è effettuata "a vista" nei giorni previsti in orario potenziato e pubblicizzato in modo efficace.

La segreteria garantisce lo svolgimento della procedure di iscrizione in un massimo di dieci minuti dalla consegna delle domande.

 

Il rilascio di certificati è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria al pubblico, entro il tempo massimo di tre giorni lavorativi per quelli di iscrizione e frequenza e di cinque giorni per quelli con votazioni e/o giudizi.

Gli attestati e i documenti sostitutivi del diploma sono consegnati "a vista" a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dei risultati finali

I documenti di valutazione degli alunni sono consegnati direttamente dal Capo d'Istituto o dai docenti incaricati entro tre giorni dal termine delle operazioni generali di scrutinio.

il diritto di accesso ai documenti viene esercitato dagli interessati con le modalità e alle   condizioni stabilite dalla legge. Lo studente maggiorenne esercita direttamente tale diritto, residuando tuttavia ai propri genitori il diritto di accesso ove al materia rivesta carattere economico.

Richieste e ricevute di copie di documenti sono di regola redatte su modulo predisposto dalla scuola; i tempi di rilascio delle copie sono funzione delle caratteristiche e del numero dei documenti da riprodurre e vanno dai tre ai trenta giorni.

I certificati di servizio dei docenti sono rilasciati entro il termine massimo di tre giorni.

L’emissione dei mandati di pagamento e degli ordini di incasso avviene entro dieci giorni dal perfezionamento dei relativi procedimenti amministrativi.

 

Per favorire la trasparenza e la rapidità di comunicazione, la scuola si impegna ad utilizzare gli strumenti telematici,  oltre agli strumenti ordinari, quali comunicazioni in classe e/o al domicilio di studenti e rappresentanti e affissione nella bacheche della scuola.

Richieste e ricevute di copie di documenti sono di regola redatte su modulo predisposto dalla scuola; i tempi di rilascio delle copie sono funzione delle caratteristiche e del numero dei documenti da riprodurre e vanno dai tre ai trenta giorni.

 

Orari

 

UFFICIO

MANSIONI

RICEVE

DIDATTICA

si occupa di compiti inerenti i bisogni degli studenti: provvede alle iscrizioni, prepara i certificati di frequenza o di maturità, le pagelle e organizza gli scrutini.

 

lunedì, mercoledì

venerdì

8:30 - 10:.30

mercoledì

16:30 -18:30

Dal Lunedì al venerdì

per gli alunni presenti in Istituto

 

10:50 – 11:10

PERSONALE

si occupa della preparazione dei decreti di nomina degli insegnanti, dell'inserimento di eventuali supplenti, prepara i certificati di servizio e gli attestati di frequenza ai corsi di aggiornamento per insegnanti organizzati dalla scuola;

 

 

lunedì, mercoledì

venerdì

8:30-10:00

mar - gio.

 

12:00-13:30

CONTABILITÀ

si occupa dell'amministrazione finanziaria della scuola, degli stipendi degli insegnanti, del bilancio dell'Istituto, degli acquisti ecc.

 

lunedì, mercoledì

venerdì

9:00-11:00

TECNICO

Predispone le pratiche amministrative per gli acquisti e i collaudi; segue e coordina le operazioni connesse all’acquisto ed alla manutenzione delle attrezzature e dei materiali dell’Istituto; coordina le operazioni di manutenzione delle apparecchiature ed interagisce con i fornitori di beni e servizi; coordina l’attività di manutenzione generica eseguita dagli assistenti tecnici e collaboratori scolastici, appositamente incaricati; cura i rapporti con l’ente proprietario dell’edificio scolastico per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture ed infrastrutture; custodisce l’originale di tutto il software tecnico in dotazione della scuola; collabora con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in tema di sicurezza

 

 

 

Reclami

 

I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica, via fax e devono contenere generalità indirizzo e reperibilità del proponente.

I reclami orali e telefonici debbono, successivamente, essere sottoscritti entro due giorni.

I reclami anonimi non sono presi in considerazione.

Il Capo d'Istituto, dopo aver esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e, comunque, non oltre quindici giorni, attivandosi, ove appurato, per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo.

Qualora il reclamo non sia di competenza del Capo d'Istituto, al reclamante sono fornite indicazioni circa il corretto destinatario. Annualmente, il Capo d'Istituto formula per il Consiglio una relazione analitica dei reclami e dei successivi provvedimenti.

Tale relazione è inserita nella relazione generale del Consiglio sull'anno scolastico.

Valutazione del servizio amministrativo e didattico erogato.

Allo scopo di raccogliere elementi utili alla valutazione del servizio e dei relativi standard, viene effettuata una rilevazione mediante questionari opportunamente tarati, rivolti ai genitori, al personale e agli studenti.

I questionari, che vertono sugli aspetti organizzativi, didattici ed amministrativi del servizio, prevedono una graduazione delle valutazioni e la possibilità di formulare proposte.

Alla fine di ciascun anno scolastico, il Collegio dei docenti redige una relazione sulla attività formativa della scuola che viene sottoposta alla attenzione del Consiglio di circolo o d'Istituto.

 

Il Dirigente Scolastico riceve il pubblico su appuntamento secondo il seguente orario:

 

Martedì

10:00 – 12:00

mercoledì

10:00 – 12:00      16:00 – 18:00

giovedì

10:00 – 12:00

 
Portale della Comunità Europea
Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica